CONCORSO "PROGETTO UN'ARCHITETTURA D'INGRESSO"



Il Concorso è stato presentato in occasione della premiazione del progetto vincitore al Made in Expo 2015.


In un’area complessiva di 8x10 metri per un massimo di 6 in altezza, i professionisti dovevano concepire la loro idea di ambiente d’ingresso per renderlo originale, accogliente, fruibile oltre che protetto.


Il concorso proponeva l’ideazione di una architettura d’ingresso con una o più porte, un concetto più ampio rispetto al semplice oggetto porta. Il designer si doveva misurare con i diversi temi che riguardano l'accedere ad un luogo abitato nei suoi diversi significati.

RELAZIONE DI PROGETTO “LA PORTA DI DOROTEA”

Principi ispiratori del progetto “Della città di Dorotea si può parlare …. dalle mura fiancheggiando sette porte …… Quella mattina a Dorotea sentii che non c’era bene della vita che non potessi aspettarmi …” (Italo Calvino)

La casa come percorso dell’uomo e luogo dell’abitare, è la dicotomia del vivere contemporaneo, ma la casa è come la città invisibile di Dorotea. Per noi la "casa" non è solo un edificio, ma un contesto vivente a cui sentiamo di appartenere, un luogo a cui siamo ancorati da una questione identitaria, luogo simbolico e intimo.

La casa come rifugio, nel quale l’uomo ritrova una sua dimensione ideale, se stesso con un gesto semplice e naturale: aprire la porta. Un gesto che identifica un rapporto tra ciò che lasciamo fuori e ciò che troviamo dentro.

Il progetto si sviluppa armonizzando il concetto di interno e esterno, attraverso un percorso organico, dove non esiste più un interno/esterno definito, ma tutto appare fluido e naturale.

L’ingresso è studiato e sviluppato secondo una serie di quinte curvilinee che rimandano a quel senso di nucleo avvolgente, creando così spazi aperti e contestualmente separati, secondo un concetto di interazione tra esterno e interno che traghettano la persona in una sorta di percorso olistico.

La parte frontale della nostra architettura è aperta sullo spazio a formare un patio, ed è sottolineata dalla presenza del simbolo della tradizione territoriale dell’azienda, per proseguire lungo un percorso simbolico che richiama ai quattro elementi naturali: Aria, Acqua, Terra e Fuoco.

Il patio anticipa la porta principale, che definitivamente conduce allo spazio interno, rifugio e luogo intimo ma comunque proiettato verso l’esterno.

VISUALIZZA QUI IL PROGETTO A

VISUALIZZA QUI IL PROGETTO B